Efficacia in termini di esiti professionali della formazione in Psicoterapia. Una ricerca sul destino professionale degli specializzati nelle Scuole dell’Associazione di Psicologia Cognitiva-APC e della Scuola di Psicoterapia Cognitiva-SPC negli anni 2009-2016

doi: rivisteweb.it/doi/10.1421/92817

2282
Claudia Perdighe, Barbara Basile, Fabio Rossi, Valeria Scalisi, Paolo Pasquini, Francesco Mancini: Efficacia in termini di esiti professionali della formazione in Psicoterapia. Una ricerca sul destino professionale degli specializzati nelle Scuole dell'Associazione di Psicologia Cognitiva-APC e della Scuola di Psicoterapia Cognitiva-SPC negli anni 2009-2016. In: Giornale italiano di Psicologia, vol. 3, 2018.

Abstract

Riassunto. Oggetto del presente lavoro è una ricerca sul destino professionale dei diplomati nelle Scuole di Specializzazione in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale, dell’Associazione di Psicologia Cognitiva (APC) e della Scuola di Psicoterapia Cognitiva (SPC). Attraverso un’intervista on-line o telefonica sono stati raccolti dati su condizioni lavorative, esercizio della psicoterapia, vari indici di soddisfazione professionale, senso di competenza e soddisfazione della formazione ricevuta. Sono stati intervistati, tra metà del 2015 e metà del 2016, 413 diplomati tra il 2009 e il 2016. I risultati mostrano un quadro positivo, con il 97% degli intervistati che dichiara di lavorare in ambito sociosanitario e l’82% che esercita la psicoterapia, nonostante la giovane età di specializzazione e anagrafica del campione. Anche i livelli di soddisfazione e competenza percepita sono positivi.

doi:  rivisteweb.it/doi/10.1421/92817

BibTeX (Download)

@article{Perdighe2018,
title = {Efficacia in termini di esiti professionali della formazione in Psicoterapia. Una ricerca sul destino professionale degli specializzati nelle Scuole dell'Associazione di Psicologia Cognitiva-APC e della Scuola di Psicoterapia Cognitiva-SPC negli anni 2009-2016},
author = {Claudia Perdighe and Barbara Basile and Fabio Rossi and Valeria Scalisi and Paolo Pasquini and Francesco Mancini},
editor = {Il Mulino},
doi = {rivisteweb.it/doi/10.1421/92817},
year  = {2018},
date = {2018-09-01},
journal = {Giornale italiano di Psicologia},
volume = {3},
abstract = {Riassunto. Oggetto del presente lavoro è una ricerca sul destino professionale dei diplomati nelle Scuole di Specializzazione in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale, dell’Associazione di Psicologia Cognitiva (APC) e della Scuola di Psicoterapia Cognitiva (SPC). Attraverso un’intervista on-line o telefonica sono stati raccolti dati su condizioni lavorative, esercizio della psicoterapia, vari indici di soddisfazione professionale, senso di competenza e soddisfazione della formazione ricevuta. Sono stati intervistati, tra metà del 2015 e metà del 2016, 413 diplomati tra il 2009 e il 2016. I risultati mostrano un quadro positivo, con il 97% degli intervistati che dichiara di lavorare in ambito sociosanitario e l’82% che esercita la psicoterapia, nonostante la giovane età di specializzazione e anagrafica del campione. Anche i livelli di soddisfazione e competenza percepita sono positivi.},
keywords = {CBT, professional efficacy, professional satisfaction, psychotherapy training, sense of expertise.},
pubstate = {published},
tppubtype = {article}
}